Una versione corrente più alta di un controller motore DC brushless (BLDC) esistente (ESC brushless)

un controller brushless sensorless compatto e ad alta correnter

La sfida con questo particolare progetto è stata quella di sviluppare una versione a corrente più elevata del controller del motore brushless sensorless ZDBL15 pur mantenendo un ingombro compatto simile.

Inoltre, l’unità doveva funzionare eccezionalmente bene a basse temperature e richiedeva un’ampia programmazione personalizzata per fornire il difficile avvio richiesto per la particolare applicazione.

la forma e le dimensioni sono stati entrambi fattori critici nello sviluppo del design

Una delle sfide più importanti con questa particolare applicazione è stata l’involucro ristretto in cui il controller doveva adattarsi. Inizialmente era stato progettato per funzionare con il controller del motore brushless sensorless ZDBL15, quindi aggiungere ulteriore gestione della corrente nello stesso ingombro di base era particolarmente impegnativo.

Ciò significava progettare la scheda in modo tale da consentirle di adattarsi perfettamente agli ostacoli chiave, ma allo stesso tempo svolgere il compito più importante di fornire un controllo del motore ad alte prestazioni.

più sono grandi, più difficile iniziano

Una sfida importante nello sviluppo di questa applicazione è stata lo sviluppo di un controller in grado di superare l’attrito statico iniziale dell’applicazione. Questo è qualcosa che è relativamente semplice nelle applicazioni a circuito chiuso ma particolarmente difficile nei motori brushless sensorless.

Per risolvere questo problema, il controller è stato progettato con componenti eccezionalmente robusti. La programmazione è stata quindi ampiamente messa a punto per garantire una transizione graduale all’avvio, nonostante l’elevata inerzia.

ottimizzato per funzionare a basse temperature

Un requisito fondamentale del cliente con questo particolare controller era che fosse in grado di funzionare in ambienti fino a -40 ° C. È stata quindi prestata attenzione per garantire che tutti i componenti utilizzati potessero soddisfare questa specifica e che avrebbero comunque funzionato in modo ottimale quando richiesto.

Forse l’unica sfida più grande relativa a questa bassa temperatura è stata l’impatto che potrebbe avere sulle partenze difficili. Quando la lubrificazione nei motori inizia a congelarsi, questo pone un carico ancora maggiore sul controller durante la fase di avvio. Tuttavia, con un’attenta ottimizzazione siamo stati in grado di fornire le prestazioni richieste.

Considerazioni finali: una sfida gratificante e un utile esercizio sulle possibilità del sensorless

Forse la lezione più importante da questo particolare progetto è stata quanto si può fare con i motori sensorless. Mentiremmo se dicessimo che la fase di avvio dell’operazione non è stata qualcosa che ci ha causato mal di testa durante lo sviluppo, soprattutto alle temperature più basse, ma le prestazioni risultanti hanno dimostrato che si può fare.

Il senso di soddisfazione derivante dalla progettazione di un controller con specifiche così rigorose è particolarmente gratificante e vedere il prodotto finale superare tutti i suoi test approfonditi è stato qualcosa di cui siamo stati particolarmente soddisfatti.

Contatto